Sora, caos sulla sanatoria delle insegne e pubblicità

Il consigliere Pintori (M5S) attacca l'amministrazione De Donatis: "Si sono accorti della necessità di fare cassa"

Fabrizio Pintori

In queste settimane il M5S Sora ha incontrato numerosi commerciati ed imprenditori per affrontare il problema legato alla sanatoria delle insegne e della pubblicità.  "Il malcontento è palpabile tra coloro che in passato installarono l’insegna o dei mezzi pubblicitari nel pieno rispetto delle norme vigenti.  - scrive in una nota il consigliere comunale Fabrizio Pintori - Questa sanatoria voluta dall’Amministrazione De Donatis è stata percepita, proprio da chi ha fatto tutto in regola per mettere un’insegna, come l’ennesimo balzello da sopportare in un periodo di grave e prolungata crisi economica. Inoltre, più di qualche esercente ha fatto notare – giustamente – che la documentazione di chi ha espletato la pratica per la pubblicità in passato dovrebbe già essere in possesso del Comune.

Nessun controllo 

È chiaro che la situazione attuale è frutto o meglio la somma dell’operato delle varie amministrazioni comunali che si sono succedete nel tempo, compresa ovviamente l’Amministrazione de Donatis. Non risulta che siano mai stati fatti periodici controlli a tappeto sul territorio contro il proliferare delle insegne e delle pubblicità abusive, e chi ne ha pagato le conseguenze sono stati in primis i cittadini onesti, il decoro urbano ed anche le casse comunali che in passato avrebbero potuto ricevere maggiori introiti grazie all’imposta sulla pubblicità o ai proventi delle sanzioni per le insegne e gli impianti pubblicitari abusivi.

L'importante è fare cassa

In questa vicenda stupisce il totale ed assordante silenzio della Consulta del Commercio la cui convocazione sarebbe stata sicuramente opportuna. Quello che non deve stupire, invece, è la necessità di fare cassa. Necessità della quale evidentemente l’Amministrazione De Donatis si è accorta nello scorso mese di marzo. Non è un caso che sia le modifiche il Regolamento sulla pubblicità e le pubbliche affissioni che la Delibera di Giunta con la quale sono state aumentate le tariffe dell’asilo nido comunale risalgono a quel periodo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Eliminare le spese superflue

Eppure un segnale significativo sarebbe stato quello di rinunciare al superfluo e non strettamente necessario, ad esempio lo Staff del Sindaco o i due Dirigenti considerato che comuni paragonabili a Sora, come Alatri, non hanno dirigenti. Purtroppo, alla resa dei conti chi paga è sempre il contribuente sorano. Sarebbe stato sufficiente amministrare Sora con maggiore diligenza ed oculatezza e predisponendo un numero superiore di controlli per stanare i furbetti delle insegne, piuttosto che assumere provvedimenti che coinvolgono anche le persone oneste".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento