menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
download (1)-21

download (1)-21

Subiaco, Consiglio comunale: sostegno alla norma per la revisione della gestione idrica, approvato Statuto Casa della Musica e assestamento di bilancio

Si è aperta con una comunicazione del Sindaco Francesco Pelliccia la seduta consiliare di ieri, 30 novembre 2015. Con rammarico il primo cittadino ha spiegato all’ assemblea i motivi che hanno portato alla decisione di sollevare dall’incarico di...

Si è aperta con una comunicazione del Sindaco Francesco Pelliccia la seduta consiliare di ieri, 30 novembre 2015. Con rammarico il primo cittadino ha spiegato all' assemblea i motivi che hanno portato alla decisione di sollevare dall'incarico di Assessore, il Consigliere dott. Ermanno Rapone.

Le deleghe e le relative funzioni sono state prese in carico dal Sindaco stesso.

La seduta è proseguita con l'approvazione dei verbali della seduta precedente e con la presentazione della proposta di delibera da parte del Consigliere Gabriele Cignitti sul tema acqua, tanto dibattuto negli ultimi tempi, viste le inefficienze commerciali riscontrate sovente da Acea Ato 2. Con deliberazione n. 49 il Comune di Subiaco ha aderito alla proposta di l.r. 238/2015 inerente all' "individuazione ambiti di bacino idrografico e organizzazione del servizio idrico integrato in attuazione dell'art.5 l.r.5/2014 "Tutela, governo e gestione pubblica delle acque".

Con l'approvazione di tale legge gli ATO (ambiti territoriali ottimali) sarebbero rivisti dalla Regione Lazio e , nel caso dell'ATO a cui dovrà appartenere Subiaco, non ci sarebbe più Roma Capitale a farla da padrone in termini di scelte e di investimenti, ma i territori potrebbero avere più attenzione, maggiore rappresentanza e più forza anche nel far valere le ragioni dei cittadini: in sostanza una gestione della risorsa idrica più efficiente, efficace ed equa nei confronti dell'ambiente e delle comunità locali.

Altra importante decisione è stata la proposta presentata dal Consigliere con delega alla cultura, Veronica Micozzi, che ha dato formale avvio al progetto vincitore del Bilancio Partecipato. Subiaco avrà ufficialmente la propria Casa della Musica, la banda musicale ed uno studio di registrazione aperto e fruibile da tutti i cittadini; non solo questo: con deliberazione n.50 è stato approvato lo statuto del nuovo Ente civico, non approvando l'emendamento presentato in seduta consiliare dalla minoranza, per mantenere distinto il direttivo dell'Ente da eventuali cariche di natura politica dei partecipanti. "Il progetto, votato e voluto dai cittadini in sede di bilancio partecipato, appartiene alla Città. Chiunque dovrà sentirsi libero di aderire senza sentirsi politicamente vincolato" ha commentato il Consigliere De Smaele "per tale motivo non ci sentiamo di accogliere l'emendamento."

Al fine di dare alla Casa della Musica unospazio e di mettere a disposizione dell'intera comunità un luogo polifunzionale perle varie attività culturali, il Sindaco ha comunicato che la giunta comunale (con deliberazione n.126 del 21 settembre 2015) ha deciso di impegnare ulteriori ? 20.000,00 da dedicare alla sala sottostante il Monumento ai Caduti, presso Piazza Gerardo Lustrissimi, scelta a tal fine dalla delibera di Giunta comunale.Il progetto votato dai cittadini prende, dunque, corpo concreto ma con un valore aggiunto vale a dire rendere di nuovo disponibile uno spazio anche per altre iniziative culturali per tutti i cittadini o realtà associative che ne abbiano necessità.

Successivamente è stataapprovato lo schema di convenzione per la gestione del servizio di Tesoreria, sono state presentate dal Sindaco alcune variazioni apportate al bilancio di previsione 2015 e deliberato, con il mancato consenso della minoranza, l'assestamento generale del bilancio di previsione.

Tra le note positive l'avvenuto recupero dei canoni rivieraschi dalle centrali idroelettriche private, che in precedenza o non avevamo mai riversato o li avevano riversati in quantità minori al dovuto. Queste da oggi in poi rappresenteranno risorse in più da destinare a servizi e investimenti.

Grazie a parte di queste somme già incassate dalla sfruttamento privato del fiume (? 21.000,00) il Sindaco ha comunicato che l'amministrazione ha scelto di destinarle al recupero della pavimentazione del Ponte medioevale di S. Francesco, uno dei simboli della Città.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento