rotate-mobile
"Una delibera epocale" / Cassino

Mobilità sostenibile, il Consorzio vende il Polo logistico Cosilam a P4F: sarà una fabbrica di batterie al litio

Il Cda del Consorzio industriale del Lazio approva una delibera definita "epocale" dal presidente De Angelis: l'atto di compravendita della sede consortile da parte di Power4Future (Fincantieri e Faist). Nella Giga factory previste 45 assunzioni

A Piedimonte San Germano (Frosinone) nasce il centro di produzione industriale di batterie al litio per la mobilità sostenibile. Il sigillo finale di un’operazione nazionale che vede coinvolta la Power4Future, joint venture di Fincantieri e Faist Group, è stato posto nella mattinata di oggi, mercoledì 15 giugno 2022, dal Consiglio di Amministrazione del Consorzio Industriale del Lazio. 

La riunione, alla presenza del presidente Francesco De Angelis, si è svolta nella sede di Cassino e ha visto l’approvazione della delibera con cui si è dato il via libera alla sottoscrizione dell’atto di compravendita del polo della logistica e della flessibilità a favore della Power4Future. Un’operazione avviata circa dieci mesi fa dal Cosilam, il Consorzio per lo sviluppo del Lazio Meridionale, ormai assorbito dal Consorzio più grande d'Italia. Si è conclusa stamattina con l’ultimo atto necessario per l’avvio delle procedure di insediamento industriale. Nella struttura di Piedimonte San Germano nascerà il centro di produzione nazionale di batterie al litio generando, così, l’avvio di un nuovo segmento industriale in provincia di Frosinone.

Polo logistico-2

Piano di assunzione di almeno 45 dipendenti

"Un contratto di compravendita curato nei minimi dettagli e che prevede una serie di investimenti su tutto il territorio - comunica all'unisono il Cda del Consorzio industriale del Lazio - Tra i molti punti previsti dall’accordo raggiunto con la società anche la stipula di una convenzione quadro con l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale per l’attivazione di contratti per il finanziamento o co-finanziamento di attività di ricerca, dottorati industriali, assegni di ricerca".

"Previsto un piano di assunzione di almeno 45 unità di personale, la stipula di una convenzione per un progetto di rete per la realizzazione di investimenti di rilevante e significativo impatto sulla competitività del sistema produttivo del territorio - concludono - l’ingresso in partenariato per almeno un biennio nella fondazione dell’Istituto Tecnico Superiore Meccatronico del Lazio di Frosinone con sede operativa a Pontecorvo. Infine la presentazione di un piano di investimenti per un valore complessivo non inferiore a 20 milioni di euro".

De Angelis: "Delibera epocale quella di oggi"

"Quella che abbiamo approvato oggi è una delibera che si può definire epocale - afferma il presidente Francesco De Angelis - Quando è iniziata l’avventura di questo nuovo ente industriale dissi che uno degli obiettivi principali era quello di favorire nuovi insediamenti e di garantire le condizioni per consentire alle aziende di investire proprio nei nostri territorio. Quanto approvato in mattinata ne è la dimostrazione tangibile, oggi il Consiglio di Amministrazione ha dato il via libera alla creazione di un nuovo polo industriale altamente tecnologico e di fama internazionale".

"Il progetto è ampio e molto articolato e vedrà la nascita del polo di produzione delle batterie al litio per la mobilità sostenibile - argomenta - Si tratta di un settore in continuo sviluppo e sul quale ci saranno molti investimenti anche alla luce delle recenti direttive approvate dal Parlamento Europeo. Questo progetto, però, ha una visione ampia e a lungo termine, una finalità che non è solo quella di creare un centro di produzione, ma che vede un investimento diretto sul territorio: assunzioni di personale, finanziamenti in ambito di ricerca scientifica con l’ateneo, avvio di partnership con il meccatronico del Lazio di Frosinone e, infine, un investimento globale di oltre venti milioni di euro".

"Questi dati evidenziano la portata di un progetto che getta le basi per scrivere una nuova pagina della storia economico-industriale di questo territorio - va avanti lo stesso leader del Consorzio industriale del Lazio - Spesso si è parlato della necessità di creare nel Lazio meridionale nuovi poli industriali, di dare un’alternativa per diversificare investimenti e segmenti economici, questo sta succedendo". 

"Un progetto che conferma l’obiettivo strategico, e prioritario, per l’attrazione di investimenti mettendo in atto tutti gli strumenti strategici necessari per rendere il territorio sempre più forte e competitivo - aggiunge in conclusione - Voglio ringraziare il Presidente Marco Delle Cese e il Consiglio di Amministrazione del Cosilam, perché il progetto è partito da loro. Un progetto fortemente voluto dalla Regione Lazio e che si è realizzato grazie alla volontà del Presidente Nicola Zingaretti e al lavoro dell’Assessore regionale allo Sviluppo Economico Paolo Orneli. Oggi con quest’ultimo atto approvato dal Consiglio di Amministrazione si scrive il futuro".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobilità sostenibile, il Consorzio vende il Polo logistico Cosilam a P4F: sarà una fabbrica di batterie al litio

FrosinoneToday è in caricamento