rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Attualità Paliano

La storia, dopo 9 mesi dal drammatico incidente Ivan torna a casa

Un impatto violento che gli ha cambiato la vita per sempre ma la grande forza di volontà lo ha fatto rinascere

Dopo 9 mesi di cure e un lungo percorso riabilitativo è riuscito a tornare nella sua casa di Paliano, o meglio la casa dei genitori dove è nato e dove ha trascorso i momenti più belli della gioventù e dell’adolescenza. La storia di Ivan Pizzuti è una di quelle che va raccontata perché è piena di speranza.

Questo ragazzo che di professione fa l’addestratore di cani nove mesi fa proprio a due passi dalla sua casa di Formello, alla periferia di Roma, venne preso in pieno da un’auto che lo fece volare a dista di diversi metri. Un impatto violento che da quel giorno ha cambiato per sempre la vita di Ivan.

Ricoverato in ospedale, prima in terapia intensiva e poi nei reparti ordinari pian piano ha ripreso in mano la sua vita che sembrava essere sfuggita via per sempre. L’affetto dei familiari in primis, di mamma, papà e del fratello e dei tanti amici di Paliano ma anche di Formello lo hanno sospinto in questo nuovo percorso.

Ad accogliere Ivan, costretto a vivere sulla sedia a rotelle per le troppe ferite e lacerazioni riportate alla colonna vertebrale nel drammatico incidente, nella casa in via Fontana del Diavolo a Paliano uno striscione con la scritta: “Bentornato Ivan”

Ivan striscione

Ivan ha voluto ringraziare tutti coloro che gli sono stati vicino con un toccante post sui social: “Game Over. Invece No!!! qualcuno ha inserito un altra monetina, posso giocare un altra partita. Sicuramente più difficile, più impegnativa, diversa ma comunque un altra partita!

Sono passati 9 lunghi mesi, ci sarebbero tante cose da dire, ma non sono bravissimo con le parole. Un grazie speciale alla mia famiglia, i miei pilastri le mie fondamenta da cui ripartire. Mamma, papà,Mirko che famiglia, che forza, che coraggio. I miei zii, cugini. Grazie grazie grazie.

Paliano il mio paese, un vero esempio di comunità, pronta, solidale, ho sentito la vicinanza di tutti. Don Paolo Persona speciale, Anna Maria altrettanto, il sindaco, la giunta, il grandissimo Emanuele Cicerchia  tutti i miei amici. Gli amici di formello strepitosi. Tutti gli amici cinofili.

Veramente tante tante persone che mi sono state vicino, volevo ringraziare tutti. Il Santa Lucia la mia famiglia per 8 mesi, la mia rinascita parte da questo luogo, grazie agli infermieri, OSS che svolgono un lavoro pazzesco,oltre la loro competenza, fondamentale é il loro supporto, la loro umanità. Tutto lo staff medico del centro neuroriabilitativo. I terapisti dell'occupazione, della respiratoria, i fisioterapisti in particolar modo la mia Anna Laura. Grazie di cuore a tutti”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storia, dopo 9 mesi dal drammatico incidente Ivan torna a casa

FrosinoneToday è in caricamento