Roma, in uscita “il timone” di aprile 2017, numero 162

E’ in uscita il numero di aprile 2017 del mensile di apologetica cattolica “Il Timone”, fondato nel 1999 da Giampaolo Barra. Lo dirige Riccardo Cascioli, che è anche direttore del quotidiano cattolico online “La Nuova Bussola Quotidiana”.

il timone-6

E’ in uscita il numero di aprile 2017 del mensile di apologetica cattolica “Il Timone”, fondato nel 1999 da Giampaolo Barra. Lo dirige Riccardo Cascioli, che è anche direttore del quotidiano cattolico online “La Nuova Bussola Quotidiana”.

Non è casuale che siano i due media a organizzare per il prossimo 22 aprile (Roma, Hotel Columbus, 10.00-16.30) quello che si prospetta come un importante appuntamento ecclesiale internazionale: laici di tutto il mondo chiederanno nell’occasione che si faccia finalmente chiarezza sul controverso capitolo VIII dell’esortazione postsinodale ‘Amoris laetitia’ e si risponda ufficialmente ai cinque ‘Dubia’ sottoposti da alcuni cardinali al Papa e poi pubblicizzati dopo quasi due mesi in mancanza di un qualsiasi riscontro. La confusione in casa cattolica è tale che un chiarimento è oggettivamente ineludibile: “In gioco – come scrive Riccardo Cascioli – non c’è solo’ la comunione ai divorziati risposati, ma l’intera morale cattolica”.

E’ la crisi economica in relazione a quella morale l’argomento principe del ‘Primo Piano’ del ‘Timone’ di aprile. Ne parla in apertura Stefano Fontana, segnalando i “tanti problemi” sul tavolo, dalla denatalità alla crisi bancaria, dalla costruzione europea alla moneta unica: su tutti “la Dottrina sociale della Chiesa deve dire la sua”. Sotto il titolo “L’Europa dimentica il bene comune”, Lorenzo Bertocchi intervista poi due noti economisti. Per Ettore Gotti Tedeschi “non vi è alcun dubbio che la crisi economica sia stata originata dalla crisi demografica(…)Il futuro che ci aspetta è quello di veder compensato questo ‘deficit’ di popolazione attraverso l’immigrazione. Ciò significa che dobbiamo attenderci che tra i sei e i dieci milioni di immigrati attivino nel nostro Paese, e ci restino, nei prossimi quindici anni”. Di Giulio Sapelli citiamo invece un’osservazione d’altro tipo: “Oggi fanno sorridere quelli che vogliono aumentare la produttività del lavoro diminuendo i salari e aumentando le ore di lavoro. Quando, invece, non sanno che il primo modo per aumentare la produttività del lavoro è aumentare il peso della demografia sugli assetti economici. Senza domanda interna non può esserci alcun aumento della produttività e nessuna domanda interna senza crescita demografica”. Assai stimolante anche il contributo di Giulio Tremonti sulla crisi bancaria italiana.

Il tradizionale e corposo ‘dossier’ è dedicato a un argomento particolare come “le esperienze di pre-morte”, che “sono ormai un fenomeno diffuso”, tanto che “anche la scienza comincia ad occuparsene con risultati sorprendenti”. Nel ‘dossier’, arricchito da una riflessione in materia del 1995 del cardinale Giacomo Biffi e da un contributo tecnico di Massimo Gandolfini - alcune testimonianze ( a cura di Benedetta Frigerio e Lorenzo Bertocchi ) di “chi ha passato il confine”, di “una consacrata, una regista e una giovane mamma”, oltre alla storia di Mariam Baouardy (nata in Galilea nel 1846, oggi canonizzata) e del giovane ebreo Natan “che racconta il Paradiso e l’Inferno”.

Tra gli altri argomenti del mensile una riflessione di Giacomo Samek Lodovici sulla valorizzazione del Cristianesimo in alcuni filosofi non credenti (da Tocqueville a Popper, da Habermas a Pera); un’analisi critica (di Tommaso Scandroglio) del “Disegno di legge sulle Dichiarazioni anticipate di trattamento”, da cui emerge con chiarezza la deriva eutanasica del testo in corso d’esame parlamentare; una rievocazione da parte di Francesco Agnoli della ferocia di linguaggio di Martin Lutero contro i contadini in rivolta nel 1524-26; Roberto Manfredini illustra poi le gesta poco illustri del ‘guru’ dello ‘sviluppo (in)sostenibile’ Jeffrey Sachs (che, “nonostante i flop” e il suo grave contrasto con la Dottrina sociale della Chiesa piace molto in Vaticano). Tanti altri gli spunti di riflessione. Vogliamo però concludere questa rapida carrellata con due citazioni fatte nella sua consueta rubrica da Vittorio Messori: la prima è di Giuliano Ferrara (“L’unico vero muro della nostra epoca è quello innalzato, nel mondo intero, davanti a oltre un miliardo di non nati. E’ il muro che impedisce il primo dei diritti, senza il quale c’è il nulla: è il diritto di entrare nella vita”), la seconda di Georges Bernanos (“Ci è stato detto che dobbiamo essere il sale, non il miele della terra”).

Ricordiamo che “Il Timone” è venduto solo in abbonamento (inoltre si può trovare in oltre 850 parrocchie italiane, elenco completo sul sito www.iltimone.org ). Per informazioni contattare abbonamenti@iltimone.org o il numero telefonico 02/69015059 . Da febbraio 2017 “Il Timone” si può sfogliare online, a pagamento, su www.iltimone.org il giorno stesso dell’uscita della rivista cartacea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento