Regione, commissione su neuroriabilitazione pediatrica S. Raffaele e Farmacie

Domani la direzione regionale Salute terrà un incontro con le associazioni che riuniscono le famiglie dei bambini assistiti da strutture neuroriabilitative per l'infanzia nel Lazio.

Domani la direzione regionale Salute terrà un incontro con le associazioni che riuniscono le famiglie dei bambini assistiti da strutture neuroriabilitative per l'infanzia nel Lazio. A seguire, si aprirà un tavolo tecnico-scientifico con esperti di pediatria per colmare l'attuale vuoto normativo rispetto all'attuazione del piano di indirizzo per la riabilitazione passato in conferenza Stato-Regioni del 10 febbraio 2011. Una decisione che potrebbe sbloccare la firma di un protocollo con la struttura accreditata dell'Irccs San Raffaele Pisana dedicata alla neuroriabilitazione pediatrica. Un centro, con dieci posti letto, che assiste bambini da tutta Italia e che rischia la sospensione delle attività dal prossimo 30 novembre a causa di una impasse burocratica della proprietà con la Regione che di fatto non consente da anni l'erogazione di rimborsi pubblici a fronte delle prestazioni rese all'utenza.

In particolare, non c'è ancora accordo sugli strumenti di valutazione della disabilità nella fascia 0-18 anni, elemento decisivo per poter riconoscere la validità e l'appropriatezza delle prestazioni fornite dal San Raffaele. I vertici sanitari e amministrativi della struttura, accompagnati da rappresentanti dei genitori, sono stati ricevuti oggi in audizione dalla commissione Politiche sociali e Salute per denunciare questa situazione, alla presenza del Garante regionale per l'infanzia e l'adolescenza. Analoghe problematiche sono state esposte anche relativamente al Bambino Gesù di Roma. L'annuncio di queste serie di incontri che potrebbero sbloccare l'annosa vicenda è stato dato in apertura di seduta dalla stessa direzione Salute, insieme all'impegno a garantire in ogni caso la continuità assistenziale ai piccoli pazienti. A seguire, la Commissione ha tenuto un'audizione con una rappresentanza dei farmacisti vincitori di bando regionale per l'apertura di nuove sedi sul territorio regionale. La procedura di assegnazione era stata interrotta in funzione di numerosi ricorsi e diffide pendenti, creando di fatto un differente trattamento tra farmacisti che intanto avevano ricevuto l'assegnazione temporanea della sede e dei loro colleghi ancora in attesa di decreto, a fronte di importanti investimenti effettuati per predisporre e garantire i servizi farmaceutici richiesti dal bando risalente al 2012.

L'avvocatura regionale, interrogata al riguardo, ha comunicato che il prossimo 20 dicembre sono previste pronunce sia da parte del Consiglio di Stato che del Tar, in base alle quali sarà possibile dare seguito allo sblocco delle assegnazioni, specie per l'area di Latina, la cui corretta perimetrazione era alla base di uno dei principali contenziosi in atto e che aveva determinato la scelta di mancato scorrimento della graduatoria, ferma alla posizione numero 64 su 274. Auspicata, dalle forze di opposizione, una pronuncia da parte del Comune di Latina rispetto alle esigenze di nuove farmacie rispetto alla sviluppo urbanistico e demografico intervenuto nel corso degli ultimi anni. I farmacisti, intanto, chiedono l'immediato scorrimento delle posizioni che non impattano sul territorio provinciale di Latina.

REGIONE LAZIO: BUSCHINI, "DIECIMILA ALBERI DA PIANTARE IN TUTTO IL TERRITORIO"

In occasione della Giornata nazionale degli alberi, riconosciuta ai sensi dell’articolo 1 della Legge 10 del 14/01/2013, la Regione Lazio, tramite l’Assessore regionale Mauro Buschini e grazie alla collaborazione del Parco Regionale dei Monti Aurunci, mette a disposizione 10mila nuovi alberi da piantare su tutto il territorio regionale. “L’obiettivo di questa iniziativa – ha spiegato l’Assessore Buschini - è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica circa i valori del patrimonio arboreo, perché spazi verdi e alberi ben curati rappresentano fattori fondamentali per migliorare il benessere psico-fisico di tutti noi. Forniremo 10mila alberi delle diverse specie autoctone per metterli a disposizione di Comuni, Scuole, Associazioni, perché riteniamo che tutti debbano rendersi protagonisti di gesti che testimonino una grande attenzione e l’impegno civile nella tutela dell’ambiente. Gli alberi sono fondamentali per contrastare il riscaldamento globale e contribuiscono, significativamente, a combattere l’inquinamento ambientale assorbendo la CO2. Mi piace pensare che al radicamento di questi nuovi alberi sul territorio, si accompagni il radicamento di una coscienza ambientale in tutti i cittadini della nostra Regione”.

TRASPORTI, MINNUCCI (PD): “LA FR3 QUESTA MATTINA È STATA UN INFERNO”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Già dalle prime ore di questa mattina ho ricevuto numerose segnalazioni di gravi disservizi sulla linea ferroviaria FR3 Viterbo/Roma. I continui ritardi hanno creato una situazione infernale con banchine super affollate e convogli presi d’assalto dai pendolari con alcuni di questi addirittura incastrati tra le porte di entrata. Questo non è più accettabile per un Paese come il nostro dove i treni, che dovrebbero offrire un servizio efficiente e decente, si trasformano in veri e propri carri bestiame. Bene il Patto per il Lazio ma soprattutto il nuovo contratto di servizio sottoscritto dalla Regione Lazio lo scorso 28 ottobre che non punta esclusivamente a un sostanziale ammodernamento del parco mezzi ma anche al miglioramento del rapporto tra cliente e fornitore con l’introduzione di indicatori di performance dimensionati. Ora, oltre ad accelerare i tempi per l’inizio dei lavori di rifacimento delle linee ferroviarie, è necessario avviare anche quel sistema di monitoraggio previsto nel nuovo contratto sottoscritto tra Regione e Trenitalia con l’attivazione di penali a carico dell’azienda qualora non venissero assicurati i canoni di servizio previsti. Dalla puntualità nell'orario al monitoraggio dei treni, dalla pulizia alle condizioni igieniche dei convogli: per non trasformare questi aspetti in semplici e banali chimere è necessario che Trenitalia risponda agli impegni assunti o, nel caso contrario, faccia fronte al pagamento di quelle penali nel rispetto dei cittadini ma anche della stessa Regione Lazio che, sotto la guida Zingaretti, è riuscita nell’impresa di sanare il suo bilancio e migliorare i servizi offerti ai cittadini” ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, a commento dei continui disservizi che si sono verificati questa mattina lungo la tratta ferroviaria Viterbo/Cesano/Roma.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Frosinone usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento