menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Consiglio Regionale 3

Consiglio Regionale 3

Regione, Zingaretti, a dicembre primi treni av con Fiumicino, da regione ruolo decisivo

Con un miliardo di euro il governo aumenta la "cura del ferro" nel lazio.  "La Regione Lazio ha giocato un ruolo decisivo per realizzare un ammodernamento concreto dei collegamenti dell'alta velocità ferroviaria con l'aeroporto di Fiumicino. Con...

Con un miliardo di euro il governo aumenta la "cura del ferro" nel lazio. "La Regione Lazio ha giocato un ruolo decisivo per realizzare un ammodernamento concreto dei collegamenti dell'alta velocità ferroviaria con l'aeroporto di Fiumicino. Con l'avvio della sperimentazione da dicembre, concordata con i vertici di Trenitalia, di due coppie di treni ad alta velocità diretti da Fiumicino a Venezia, passando per Roma, Firenze e Bologna, abbiamo posto le basi per il rilancio competitivo del principale aeroporto internazionale italiano e dei trasporti verso la Capitale. Si tratta di un passo in avanti straordinario per il turismo, per il sistema dei trasporti su ferro nell'area metropolitana di Roma e per straordinarie città d'arte e di cultura come Firenze e Venezia. Di pari passo vanno gli impegni concreti del Governo che ha deciso, così come annunciato oggi, di stanziare circa un miliardo di euro per completare alcune opere inserite nella recente rimodulazione dell'accordo che abbiamo sottoscritto con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per i quali avevamo chiesto risorse certe, come la gronda nord e altri interventi per aumentare la capacità di trasporto della rete ferroviaria. Si tratta di un importante riconoscimento per gli sforzi che stiamo facendo investendo nella "cura del ferro" e nell'ammodernamento dell'aeroporto di Fiumicino". Lo dichiara il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti

SCUOLA, SIMEONE (FI): "OTTIMA LA PROPOSTA DI POSTICIPARE APERTURA AL PRIMO OTTOBRE"

"Condivido e sostengo la proposta del presidente della Provincia di Latina, Salvatore De Monaco, di posticipare l'apertura delle scuole al 1 ottobre. L'idea, maturata anche in altre realtà italiane, credo sia non solo sensata ma soprattutto in grado di dare una risposta agli ingenti danni creati all'economia locale dal perdurare del maltempo che non ha consentito alla stagione turistica di entrare nel vivo.

Questa iniziativa, coniugata con il prolungamento dell'apertura degli stabilimenti balneari a tutto il mese di settembre, potrebbe dare una boccata di ossigeno a tutte quelle imprese, e a quelle famiglie, che vivono proprio grazie al turismo estivo e che in questo 2014 segnato da piogge e maltempo si sono viste precludere ogni possibilità di lavorare e di rientrare degli investimenti effettuati. Non si tratta di una decisione estemporanea o assurda come molti sostengono visto che fino a venti anni fa iniziare la scuola ad ottobre era la regola.

Con questo provvedimento non si risolvono i nodi legati al perdurare della crisi ma almeno si dimostrerebbe che le istituzioni sono attente ai propri territori e sono in grado con interventi ad hoc, come in questo caso, di dare risposte agli operatori. Scriverò al presidente della Regione Zingaretti per chiedere formalmente che la delibera con cui si approva il calendario scolastico possa essere modificata per dare un segnale concreto dell'interesse di questo Ente nei confronti delle esigenze economiche dei territori che rappresenta".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento