Dalla Ciociaria ancora una boccata di ossigeno per la Raggi. 35 comuni votano a favore dei rifiuti romani

Ieri l'assemblea dei sindaci della SAF ha votato per la concessione di una proroga di 60 giorni allo stabilimento di Colfelice

La Ciociaria continuerà ad accogliere i rifiuti della Capitale o almeno lo farà per altri 60 giorni. Questo è quanto stato deciso ieri con le 35 alzate di mano a favore della proroga che concede di fatto altri due mesi alla Saf per presentare un nuovo Piano Industriale che dovrà garantire l'ammodernamento e l'efficientamento dell'impianto di Colfelice.

Maggioranza raggiunta per l'assenza di molti

Un numero, quello dei 35, che non sarebbe bastato a far passare il punto all'ordine del giorno se presenti a votare non fossero stati solo 56 dei 91 sindaci della provincia di Frosinone. Ricordiamo che l'alt ai camion provenienti da Roma era stato intimato lo scorso 28 giugno durante l'assemblea della Saf. I sindaci ciociari avevano deciso di non rinnovare i contratti con l'Ama (azienda municipalizzata per l’ambiente della Capitale), oltre la scadenza del 31 dicembre 2017.

Il commento del sindaco D'Alessandro

E allora cos’è cambiato nel frattempo? La spiegazione, forse, nelle parole del sindaco di Cassino Carlo Maria D'Alessandro "Come previsto il presidente della Società Ambiente Frosinone, Lucio Migliorelli ( nominato presidente della Saf a novembre scorso ndr) già capo segreteria dell'assessore all'ambiente della Regione Lazio, Buschini, per il tramite del Sindaco di Castrocielo, Filippo Materiale, ha fatto votare a 35 primi cittadini esclusivamente del Partito Democratico un ordine del giorno attraverso il quale gli si concedono ancora 60 giorni di tempo per presentare il Piano industriale. Quasi tutti i Sindaci dei territori limitrofi all'impianto Saf -  continua D’Alessandro - hanno avuto il coraggio di dire No a questo scempio".

L'elenco dei sì

E in effetti leggendo l'elenco dei comuni del Sì, senza per nulla considerarne lo schieramento politico (Acquafondata, Acuto, Alvito, Amaseno, Anagni, Atina, Belmonte Castello, Campoli Appennino, Castrocielo, Collepardo, Colle San Magno, Esperia, Falvaterra, Ferentino, Fontana Liri, Fumone, Giuliano di Roma, Guarcino, Isola Liri, Monte San Giovanni Campano, Paliano, Patrica, Posta Fibreno, San Biagio, San Donato Val Comino, Sant’Andrea del Garigliano, Santopadre, Supino, Terelle, Torre Cajetani, Trevi nel Lazio, Veroli, Vicalvi, Vico nel Lazio, Villa Santo Stefano) si può tracciare una mappa che è ben lontana dal comune di Colfelice.

Se ne riparlerà fra 60 giorni

Per altri due mesi quindi la Saf e di conseguenza la provincia continuerà ad essere la discarica di circa 250 tonnellate di rifiuti romani al giorno. Una quantità che da quanto dichiarato qualche giorno fa da Migliorelli “abbiamo la capacità di lavorare e Roma non sa dove portarli” ma che soprattutto che porta un profitto in termini economici visto che l’Ama paga con una tariffa ritenuta conveniente per la società frusinate (parliamo di 138 euro a tonnellata).

Lo "schiaffo" di Anagni che sceglie per il Sì

Il sindaco della Città dei Papi, Fausto Bassetta, ha subito voluto precisare le motivazioni che hanno condotto alla pronuncia del Sì e che sarebbero in linea con la decisione adottata quest'estate. "Il Comune di Anagni - dichiara il primo cittadino all'indomani del voto - si è espresso a favore dell'interruzione del conferimento dei rifiuti da Roma, approvando un documento che conferma l'orientamento già indicato nell'assemblea dello scorso 28 giugno.

Per evitare l'aumento delle tariffe 

Tenuto conto che l'immediato stop al flusso esterno di rifiuti extra Ato espone i Comuni soci ad aumenti di tariffe, ovviamente a carico dei cittadini, e che l'eventuale proseguimento del conferimento è temporaneo e straordinario, è stata votata la predisposizione, entro 60 giorni, del nuovo piano industriale per l'ammodernamento dell'impianto che permetterà di gestire solamente il ciclo dei rifiuti della provincia di Frosinone. Esclusivamente nelle more di questo adempimento, con l'obiettivo di garantire l'equilibrio economico-finanziario dell'azienda, sarà autorizzato il conferimento di rifiuti extra per la lavorazione e la valorizzazione energetica.

Le linee guida per il nuovo piano industriale

L'Assemblea dei Sindaci, pertanto, ha dato mandato alla Governance di Saf Spa di predisporre il nuovo piano industriale, indicando una serie di linee guida su capacità produttiva del Tmb commisurata alla produzione provinciale, realizzazione di nuove linee produttive per la raccolta differenziata, iniziative per contenere le emissioni odorigene e quanto occorre per avere un impianto adeguato alle esigenze del territorio provinciale. Inoltre, la Saf dovrà prendere contatti con la Regione Lazio per stabilire la nuova tariffa di accesso dell'impianto e, quindi, ritirare il ricorso al Tar per l'adeguamento tariffario".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Guglielmo Mollicone, il padre che non ha smesso mai di lottare per la verità

  • Maxi blitz, ecco chi sono gli arrestati a capo della banda di spacciatori (foto)

  • Scontro frontale tra due auto lungo la Cassino-Formia: muore l'89enne Silvana Pellecchia

  • Ceccano, arrestati ‘Sandokan’ e due familiari. Hanno aggredito Morello, troupe di ‘Striscia la notizia’ e Carabinieri

  • Coronavirus, test sierologici. Ecco i 15 comuni della provincia di Frosinone scelti per l'indagine

  • Cassino, si barrica in un bar e ferisce al volto un carabiniere con il collo di una bottiglia

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento