Cronaca

Covid, è morto Massimo Paris, comandante della stazione dei Carabinieri di Guarcino

Il maresciallo maggiore da oltre un mese era ricoverato in una struttura ospedaliera della Capitale. Nelle scorse settimane ad arrendersi al virus era stato l'appuntato Roberto Ceci. Il dolore del sindaco Urbano Restante: "Una scia di dolore che ci lascia senza parole".

La violenza del Coronavirus ha seminato ancora dolore e lutto nella caserma dei Carabinieri di Guarcino. Nella giornata di oggi si è dovuto arrendere al Covid il comandante Massimo Paris, maresciallo maggiore di 58 anni, nativo di Veroli, che da oltre un mese lottava nel reparto di terapia intensiva di un ospedale di Roma. Il decesso è arrivato a qualche settimana di distanza da quello di un altro militare in servizio nella struttura di Guarcino, l'appuntato Roberto Ceci che è stato colpito dal virus tre giorni prima di sottoporsi al vaccino. Due lutti che hanno lasciato sgomenta la piccola comunità ed il incredulo il sindaco Urbano Restante.

L’Arma: “Ha dedicato la vita a dovere, istituzioni e famiglia”

Colpito chi era in prima linea

Il comandante Paris, come l'appuntato Ceci e tutti gli altri militari in servizio presso la caserma di Guarcino così come diversi componenti della Polizia Locale, hanno contratto il covid nel corso di quello scellerato fine settimana di febbraio quando oltre tremila persone fuori controllo, si riversarono sulle piste da sci, nonostante fossero chiuse, di Campo Catino. Le forze dell'ordine, in prima linea, cercarono di arginare quell'invasione ma senza esito. In centinaia sostarono senza alcun rispetto delle regole lungo i tanti bar e ristoranti della zona. La paura del lockdown che sarebbe scattato da lì a qualche ora, aveva indotto tanti appassionati della montagna e delle gite fuori porta, a non tener conto della pericolosità del momento e della rapidità di contagio delle varianti. In quel fine settimana furono diverse centinaia i contagi e per settimane la zona nord della provincia di Frosinone ha fatto registrate un indice di contagio altissimo con decessi anche tra persone over under 60.

Una comunità incredula

"La morte del comandante Paris così come quella di Roberto Ceci ci ha lasciato senza parole: Guarcino è una comunità distrutta dal dolore. I nostri carabinieri fanno parte della quotidianità perché tutti conosco tutti e tutti loro sono per noi fonte di sicurezza e sostegno - spiega tra le lacrime il sindaco Restante -. Questa ulteriore prova deve farci comprendere che non bisogna abbassare la guardia perché questo male è infido e non conosce pietà alcuna"

Il ricordo del collega Renzullo

"Abbiamo pregato e sperato fino all'ultimo, ma alla fine anche tu hai perso la battaglia contro  questo maledetto virus. Ciao Massimo, amico e collega. Forse lassù avevano bisogno di un bravo Comandate come te". Questo il post del comandante della stazione dei Carabinieri di Vico del Lazio, Raffaele Renzullo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, è morto Massimo Paris, comandante della stazione dei Carabinieri di Guarcino

FrosinoneToday è in caricamento