Saf di Colfelice, il presidente Migliorelli annuncia importanti novità

La rivoluzione riguarderà sia il trattamento dell'umido che dell'indifferenziato. L'impianto diventerà una Fabbrica dei materiali. Inoltre sono partiti i lavori per la realizzazione di un parco fotovoltaico

“Il costo del servizio di raccolta e smaltimento della frazione organica dei rifiuti è una delle problematiche alle quali presto daremo una risposta concreta, risolutiva e definitiva, anche perché parliamo di uno dei costi più gravosi tanto per le casse dei comuni consorziati, quanto per le nostre”. Lucio Migliorelli, presidente della Saf, rompe gli indugi. Entra nel vivo delle novità del piano industriale che trasformerà radicalmente la gestione del ciclo integrato dei rifiuti in provincia di Frosinone, proiettandolo nella dimensione della circolarità.

I costi dell'indifferenziato

Oggi la frazione umida proveniente dalla raccolta differenziata viene inviata in impianti al Nord Italia e per ogni tonnellata la spesa, attualmente, è di 125 euro, ma destinata a salire a 140. Tuttavia, sono i costi di smaltimento dei rifiuti indifferenziati ad essere più alti e più impegnativi sia per i comuni che per la Saf. “Una tonnellata di indifferenziato costa 139 euro ai quali si devono aggiungere altri 21 euro di benefit ambientale a favore dei comuni che ospitano impianti. La Saf anche in questo caso, per calmierare le tariffe a carico delle amministrazioni ha ridotto di 7 euro l’importo complessivo in tariffa, per cui ogni tonnellata costa 153 euro invece di 160”. Il rifiuto indifferenziato, che dopo la lavorazione in parte va in discarica e in parte al termovalorizzatore, costerà nel tempo sempre di più.

Contro l'aumento dei prezzi la soluzione è differenziare

Ecco perché una raccolta differenziata sempre più estesa sul territorio è la soluzione più efficace per ridurre sia gli impatti ambientali, sia i costi del servizio a carico dei cittadini. Ed è del tutto evidente che la provincia di Frosinone deve dotarsi di impianti per trattare le tonnellate di umido provenienti dalla raccolta differenziata. “Quella tipologia di rifiuto è una ricchezza. Dalla sua lavorazione si ottiene bio - metano e ciò che ne resta diventa compost prezioso per gli usi agricoli. Il fatto che spediamo questo materiale fuori provincia – dice Migliorelli – comporta una spesa per il trasporto e mancato guadagno che potremmo invece ricavare con la disponibilità di uno o più piccoli impianti insediati in Ciociaria. Parlo di impianti a emissioni pari allo zero, a elevatissima sostenibilità ambientale, come quelli di Padova e Trento che garantiscono lavoro e alimentano l’economia locale senza impattare sulla qualità dell’aria e sul territorio”.

Il nuovo piano industriale

Ma il piano industriale, fortemente innovativo, inciderà anche sull’indifferenziato. Con la trasformazione dell’impianto di Colfelice in Fabbrica dei Materiali. In settimana è arrivata la prima autorizzazione della Regione Lazio agli interventi che riguardano gli edifici dove si svolge la fase della bio – stabilizzazione del rifiuto per investimenti pari a 1 milione di euro. “Il primo passo della profonda trasformazione del sito di Colfelice dove al posto del Tmb entreranno in funzione le nuove linee di selezione e separazione dei rifiuti. Saremo presto in grado di recuperare percentuali altissime di plastiche, carta, cartone dal rifiuto indifferenziato conferito in stabilimento.

Partiti i lavori per il parco fotovoltaico

Intanto sono partiti i lavori per la realizzazione di un parco fotovoltaico di 8.000 metri quadrati. Questi primi interventi costeranno 2 milioni di euro a fronte di una spesa complessiva di 12 milioni che – precisa Lucio Migliorelli – usciranno unicamente dalle casse della Società Ambiente Frosinone, senza alcun onere per i comuni soci”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le precauzioni per il Coronavirus

Infine Saf – in linea con le direttive del piano nazionale di emergenza coronavirus – ha dotato il personale di mascherine e altri dispositivi di protezione. “Rientriamo nella categoria dei fornitori di servizi pubblici essenziali – conclude Migliorelli – per cui dobbiamo prestare la massima attenzione alla tutela della salute dei lavoratori e alla difesa della regolarità di un servizio che, in caso di interruzione, precipiterebbe la provincia di Frosinone in un drammatico contesto di doppia emergenza”. Nel sito sono state adottate tutte le misure indicate dalle autorità nazionali. Posizionati dispenser distributori di igienizzante, potenziati i servizi di sanificazione degli edifici e dei mezzi in entrata e in uscita e introdotte limitazioni alle attività di front office.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento