rotate-mobile
A difesa di Marzi

Elezioni 2022, Angelo Pizzutelli (Pd): “Sempre meglio il Re Tentenna delle Primarie finte”

Il capogruppo dem uscente, in corsa alle amministrative di Frosinone, difende Marzi: “’Colpevole’ di valutazione attenta della sua candidatura a sindaco”. E attacca: “Primarie centrodestra? Esito sin troppo scontato” visto il superfavorito Mastrangeli

Il capogruppo consiliare del Pd Angelo Pizzutelli alza lo scudo a difesa del candidato sindaco del centrosinistra Domenico Marzi. Quest’ultimo aveva chiesto provocatoriamente al centrodestra – praticamente al coordinatore provinciale della Lega, il sindaco uscente di Frosinone Nicola Ottaviani – se il leader del Carroccio Matteo Salvini sarebbe approdato in città per le elezioni amministrative 2022.

Nel caso, come ha detto sarcasticamente il ricandidato ex primo cittadino, “sono pronte le maglie di Putin”, facendo riferimento alla “figuraccia internazionale di Salvini in Polonia”. Il comitato promotore delle primarie del centrodestra, in tutta risposta, ha accostato Marzi a Carlo Alberto di Savoia: il Re Tentenna che tentennò due volte prima di firmare lo Statuto. In questo caso criticando il tira e molla prima della sua candidatura ufficiale in rappresentanza del campo largo di centrosinistra.  

Ora Pizzutelli evidenzia che non si può ritenere colpevole se non di un’attenta valutazione. E non risparmia una frecciatina verso le primarie del centrodestra, a suo modo di vedere “finte” visto il superfavorito Riccardo Mastrangeli, assessore uscente e braccio destro di Ottaviani per due mandati.  

Pizzutelli: “Valutazione attenta, non debolezza”

“Nell'epoca dei tweet e del tutto subito e sintetico, in cui la riflessione è stata sostituita da 280 caratteri spesso sprezzanti persino della lingua italiana - premette Pizzutelli - chi si prende un momento per valutare e meditare è immediatamente accusato di debolezza”.

“Invece che un'espressione di maturità e consapevolezza nell'esercizio del pensiero, la riflessione viene biasimata, incriminata, persino derisa – argomenta poi - Così, in base a questa logica arrogante, il centrodestra sta chiamando Memmo Marzi il Re Tentenna, 'colpevole' di una valutazione attenta sulla sua candidatura a sindaco”.

“Io diffiderei piuttosto di chi prende al volo l'occasione, senza considerare implicazioni personali, familiari e professionali che il ruolo di sindaco presuppone – conclude rivolgendosi al centrodestra - Diffiderei anche di chi si presta a delle primarie di coalizione il cui esito è sin troppo scontato, pur di fare operazioni di facciata e criticando invece chi ha deciso per altre strade”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni 2022, Angelo Pizzutelli (Pd): “Sempre meglio il Re Tentenna delle Primarie finte”

FrosinoneToday è in caricamento