rotate-mobile
Elezioni provinciali

Provinciali, Pompeo fissa la data per l'elezione del suo successore

Il presidente della Provincia di Frosinone, prossimo alle dimissioni anche da sindaco di Ferentino per candidarsi alle Regionali, ha firmato il decreto con cui indice ufficialmente la prossima tornata elettorale

Le prossime elezioni provinciali si svolgeranno domenica 18 dicembre 2022. Ha fissato la data Antonio Pompeo, ormai prossimo alle dimissioni da presidente della Provincia di Frosinone. Tra poco più di due mesi, prima di Natale, attenderà l'esito dell'elezione del suo successore e si dimetterà anche da sindaco di Ferentino per potersi candidare con il Pd alle elezioni regionali 2023

Il suo doppio mandato da presidente è di fatto scaduto dallo scorso 31 ottobre. L'evento di fine mandato, "Dal Comune alla Provincia", si era tenuto in precedenza. Ora la data della tornata alle urne per i sindaci e i consiglieri comunali dei novantuno comuni della provincia di Frosinone. Il Consiglio provinciale lo hanno rinnovato per un biennio alla fine dell'anno scorso.

Dovranno votare per indicare chi guiderà l'amministrazione provinciale nei prossimi quattro anni. Nel mentre è già partito il totonomi e non mancano di certo richieste di ripristino dell'elezione diretta del presidente e del consiglio della Provincia. “Un atto che ho compiuto con non poca emozione e con la chiara consapevolezza del costante impegno e dell’intenso lavoro portato avanti in questi otto anni alla guida dell’Ente - dichiara il presidente uscente Pompeo - Il mio auspicio, ora, è che le forze politiche trovino la giusta sintesi nell’esprimere la figura più idonea a ricoprire questo importante incarico, soprattutto alla luce di una lunga battaglia, che ho intrapreso con convinzione, determinazione e coraggio, affinché la Provincia tornasse a ricoprire il ruolo istituzionale sancito nella nostra Carta costituzionale".

Anche Pompeo vorrebbe "una figura di sintesi"

Anche Pompeo, a parte il totonomi nel centrosinistra e nel centrodestra, vorrebbe una figura trasversale alla guida di un'amministrazione dalla larghe intese. Il suo primo mandato era stato sostenuto dal consigliere provinciale di FdI Daniele Maura, che ha ricoperto in quei quattro anni il ruolo di coordinatore dei lavori d'aula. Il nuovo presidente del Consiglio provinciale, invece, è l'esponente della Lega Luca Zaccari. All'opposizione, durante l'amministrazione Pompeo, è stata garantita una casella a un pezzo d'opposizione consiliare. 

"Dal 2014, anno in cui ho assunto la presidenza, ad oggi il mio unico obiettivo, e con un pizzico di orgoglio posso dire di averlo raggiunto, è stato unicamente quello di restituire dignità, valore e forza amministrativa a un Ente, non accettando mai di esserne il commissario liquidatore - conclude Pompeo - Ho portato, invece, questo Ente a diventare un modello italiano preso ad esempio dalle altre Province".

Da qui i ringraziamenti agli uffici della Provincia di Frosinone "per il lavoro svolto al mio fianco in questi anni, a dimostrazione che, nonostante la ‘solitudine’ governativa sancita dalla legge Delrio, siamo stati in grado di mettere in atto azioni importanti, strumenti strategici e progetti innovativi unicamente per il bene dei territori e delle loro collettività, caratterizzando sempre più la Provincia come ‘Casa dei Comuni’”. Anche il presidente Pompeo, sempre critico contro la legge Delrio per la riforma degli enti locali, vorrebbe che per le Provinciali tornassero al voto i cittadini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provinciali, Pompeo fissa la data per l'elezione del suo successore

FrosinoneToday è in caricamento