menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
FOTO ANSA

FOTO ANSA

Coronavirus in Ciociaria: il bollettino del 1° marzo. Da domani scuole chiuse a Frosinone e in altri 30 comuni

La Asl ha chiesto la Dad fino al 14 marzo ai sindaci delle cittadine più a rischio nella zona arancione. Nelle ultime 24H 3 morti: un 73enne e un 85enne del Capoluogo e una 77enne di Veroli. Meno tamponi (574) e casi (93). Nel Lazio più ricoveri e decessi

Nell'ormai arancione provincia di Frosinone, stando al bollettino Covid diramato dalla Asl oggi lunedì 1° marzo 2021, si registrano 3 decessi (-1 rispetto a ieri), 97 nuovi casi (-123) e 40 guariti (-47) a fronte di 574 tamponi effettuati (-1.012). Su quasi un terzo dei test fatti nelle scorse 24 ore, pochi come ogni domenica, vengono notificati così più o meno la metà dei positivi e negativizzati di ieri. Le tre vittime sono un 73enne e una 85enne di Frosinone e una 77enne di Veroli.

La Asl ciociara, visto l'andamento, ha chiesto ai sindaci del territorio di emanare un'immediata ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado di 31 comuni fino al prossimo 14 marzo. È la data in cui per ora scadrà la colorazione più restrittiva. Si avvarranno, ovviamente, della Didattica a distanza (Dad). I primi cittadini interessati, tra cui il sindaco del Capoluogo Nicola Ottaviani, hanno adottato e stanno adottando tale provvedimento per sospendere la didattica in presenza da domani. 

I 31 comuni sono i seguenti: Alatri, Arce, Amaseno, Boville Ernica, Broccostella, Campoli Appennino, Castelliri, Castelnuovo Parano, Ceccano, Collepardo, Coreno Ausonio, Esperia, Ferentino, Fontechiari, Frosinone, Guarcino, Giuliano di Roma, Isola del Liri, Monte San Giovanni Campano, Pescosolido, Piedimonte San Germano, Ripi, San Giovanni Incarico, Sant'Andrea del Garigliano, Sora, Strangolagalli, Torrice, Vallecorsa, Veroli, Vicalvi e Villa Santa Lucia.

Chiusura delle scuole - L'ordinanza del sindaco di Frosinone

++ Aggiornamento alle 21.20 ++

Bollettino Covid: la situazione nei comuni ciociari e nel resto del Lazio

Nelle ultime 24 ore, come riportato nella tabella in basso, quelli più colpiti dal Coronavirus sono il Capoluogo e l'attenzionata Alatri: 12 neo contagiati. A seguire tutti gli altri: Anagni (10); Ferentino, Fiuggi e Veroli (7); i due in zona rossa,  TorriceMonte San Giovanni Campano, nonché Supino (5); Ceccano e Piglio (4); Boville Ernica e Strangolagalli (3); Amaseno e Isola del Liri (2); Castro dei Volsci, Paliano, Piedimonte San Germano, San Giovanni Incarico, Sgurgola, Sora, Torre Cajetani, Vallecorsa e Vico nel Lazio (1).  

In tutto il Lazio, su su oltre 9 mila tamponi nel Lazio (-6.069) e oltre 6 mila antigenici per un totale di oltre 15 mila test, si registrano 28 decessi (+16), 1.044 casi positivi (-297) e 1.094 i guariti. Diminuiscono i casi, mentre aumentano i decessi, i ricoveri e le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è all'11%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale è sotto al 6%. "Oggi - informa l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato - andiamo verso il record con oltre 15 mila vaccini somministrati in un giorno. Superati i 20 mila operatori delle scuole e i 16 mila operatori delle forze dell’ordine vaccinati. Aumentano i ricoveri, un segnale di forte attenzione".

 Emergenza Covid-19 - Aggiornamento Asl Frosinone 1 marzo 2021-2

Nella città metropolitana di Roma e nelle altre province

I casi a Roma città sono a quota 500.  Nella Asl Roma 1 sono 204 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Sono tre i ricoveri. Si registrano sette decessi con patologie. Nella Asl Roma 2 sono 288 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Sono novantotto i casi su segnalazione del medico di medicina generale. Si registrano cinque decessi con patologie. Nella Asl Roma 3 sono 27 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano cinque decessi con patologie.

Nella Asl Roma 4 sono 27 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi con patologie. Nella Asl Roma 5 sono 154 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Nella Asl Roma 6 sono 124 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi con patologie.

Nelle province si registrano 220 casi, tra cui i 97 della Asl di Frosinone, e sono sei i decessi, di cui 3 in Ciociaria, nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono 76 i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 46 anni con patologie. Nella Asl di Viterbo si registrano 41 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 90 anni con patologie. Nella Asl di Rieti si registrano 6 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 81 anni con patologie. 

Scuole chiuse? "Rischio concreto". Varianti? Specie inglese e iberica 

"Il rischio c'è sempre perché dipende da come corre il virus". Così Alessio D'Amato rispetto alla potenziale chiusura delle scuole. "Dipende dall'indice Rt - ha aggiunto a margine dell'avvio dei primi tamponi molecolari per gli studenti della Sapienza di Roma - Sono stati adottati dei provvedimenti nelle zone rosse e nell'intera provincia di Frosinone. Noi speriamo di no, ma il rischio è concreto. Perché vedo che nei fine settimana c'è un costante allentamento della tensione e quando accade ciò non è mai positivo. Questo porterà sicuramente degli elementi critici dei prossimi giorni". 

In quanto alla circolazione delle varianti del Coronavirus, lo stesso D'Amato ha fatto presente che "abbiamo avuto finora una decina di casi di variante brasiliana". Tra questi anche il primo accertato in Ciociaria. Nel Lazio, però, sono più diffuse altre due varianti: inglese e iberica. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento